Radiofrequenza Bipolare

" La radiofrequenza bipolare: le caratteristiche di questo trattamento di medicina estetica e gli esiti che garantisce. "

Data: 21/10/14 | Vista: 435

Radiofrequenza Bipolare

Radiofrequenza bipolare: ecco cosa bisogna sapere

La radiofrequenza bipolare è una particolare tecnica di medicina estetica che consente di trattare, senza bisturi, diverse imperfezioni legate alla cute come, ad esempio, quelle relative all'invecchiamento della pelle. La radiofrequenza, in particolare, può essere realizzata in qualsiasi area del corpo e si qualifica come una valida alternativa alle tecniche chirurgiche, molto più invasive e rischiose.

Per eseguire il trattamento di radiofrequenza bipolare è importante rivolgersi a un medico estetico qualificato ed esperto. Soltanto così, infatti, si può avere la sicurezza di un trattamento svolto nel massimo rispetto della salute del paziente. Nonostante la radiofrequenza sia infatti un trattamento non invasivo e quasi completamente indolore, è comunque connessa a effetti collaterali e controindicazioni.

Radiofrequenza bipolare: come agisce e quali imperfezioni cura

La radiofrequenza bipolare ha la capacità di determinare la riattivazione delle cellule che producono collagene, agendo sulla parte profonda del derma. La mancanza di collagene, una condizione naturale che si accompagna all'invecchiamento, determina la rilassatezza dei tessuti (soprattutto della cute) e la formazione delle rughe. La radiofrequenza, quindi, consente di tonificare la pelle, rendendola più soda e donandole un aspetto più giovanile.

In particolare, la radiofrequenza bipolare consente di ottenere buoni risultati in merito al trattamento delle rughe del volto (zampe di gallina, pieghe nasolabiali, ecc), alla riduzione del collo rugoso e rilassato, al trattamento della lassità cutanea del viso e del corpo in generale. In base all'estensione dell'area da trattare, in poche sedute di radiofrequenza, si possono ottenere risultati apprezzabili.

La seduta di radiofrequenza bipolare

Il trattamento di radiofrequenza bipolare ha una durata di circa 30 minuti (se localizzato esclusivamente sul viso) e non prevede anestesia. La seduta vera e propria consiste nel passaggio del manipolo del macchinario della radiofrequenza sulle aree del corpo da trattare: la cute viene leggermente risucchiata e, quando i due lembi di pelle sono paralleli, il manipolo libera la radiofrequenza, che raggiunge gli strati profondi della pelle senza tuttavia danneggiare quelli superficiali.

La seduta di radiofrequenza bipolare termina quando il medico estetico ha passato più volte il manipolo del macchinario sull'area da trattare. È normale, dopo il trattamento, avere la pelle arrossata: tale effetto secondario, in particolare, tende a scomparire nell'arco di qualche ora. Le attività quotidiane possono essere riprese subito dopo il trattamento e i risultati sono visibili gradualmente, a distanza di qualche mese dal trattamento.

"Radiofrequenza Bipolare "

Voto: 4 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su